Oct 31

Caf Professione Fisco srl

 

CAFPF

E' necessario segnalare al CAF ogni variazione rispetto alla dichiarazione dell'anno precedente, come ad esempio:

                  • nuova residenza anagrafica;
                  • variazioni stato civile;
                  • modifica dello stato di coniuge o di figlio fiscalmente a carico;
                  • modifica dello stato di familiare fiscalmente a carico;
                  • acquisto e/o vendita di terreni (specificando se il terreno venduto è edificabile) e fabbricati o variazioni della quota di proprietà di immobili già posseduti;
                  • locazione d'immobili e variazioni riguardanti il relativo canone annuo;
                  • variazioni d'uso degli immobili posseduti;
                  • Passaggio o meno al regime della Cedolare Secca sulle locazioni di immobili, nuovi contratti di locazione;

Prima di recarsi dal Caf o dal professionista abilitato il contribuente deve recuperare i documenti relativi a ritenute, oneri deducibili e detraibili, versamenti, eccedenze di imposta.

In particolare, sia che si richieda l'assistenza per la compilazione, sia che si consegni il modello già compilato, vanno esibiti i seguenti documenti anche solo in fotocopia:

Redditi

 
  • Copia della dichiarazione dei redditi dell'anno scorso (se è stata presentata).
  • Cud 2013, ovvero la certificazione dei redditi da lavoro (e assimilati) o pensione percepiti nel 2010 (che Le aziende dovrebbero aver consegnato entro il 28 febbraio).
  • Certificazioni dei redditi del coniuge e di altri familiari fiscalmente a carico, se ce ne sono.
  • Certificazioni di altri eventuali redditi (es. collaborazioni occasionali, cessione di diritti d'autore, ecc.) che devono essere consegnate dal sostituto d'imposta (cioè da chi ha corrisposto il reddito).
  • Documentazione relativa agli assegni alimentari percepiti dal coniuge separato o divorziato.
  • Attestati di versamento degli acconti d'imposta effettuati autonomamente dal contribuente
Immobili

 
    Spese detraibili


    • Ricevute per ticket sanitari e visite mediche private, scontrini fiscali per acquisto di farmaci (che devono riportare il codice fiscale del contribuente).
    • Documentazione relativa al pagamento degli interessi passivi su mutui per la "prima casa" e altra documentazione necessaria per il riconoscimento delle spese deducibili o detraibili, come, ad esempio, per gli interessi passivi, la copia del contratto di mutuo per l'acquisto dell'immobile adibito ad abitazione principale; per l'assicurazione sulla vita, la copia della polizza o altra certificazione rilasciata dalla compagnia assicuratrice, ecc. 
    • Polizze di assicurazione vita e infortuni.
    • Polizza Rc Auto in cui è incorporato il contributo Ssn (detraibile).
    • Ricevute delle tasse scolastiche per i figli.
    • Fatture per spese funebri di congiunti. 
    • Ricevute per erogazioni liberali (donazioni) alle Onlus
    • Assegni alimentari corrisposti al coniuge separato o divorziato.
    • Ricevute di versamenti per pensioni integrative.
    • Fatture per interventi di recupero edilizio (detrazione del 36%) ed eventuali fatture sostenute per l’acquisto di mobili destinati all’arredo
    • Fatture per interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici (detrazione del 55%).

    Vi sono, infine, alcuni dati per i quali non è necessario esibire la relativa documentazione: per esempio, i certificati catastali relativi ai terreni e ai fabbricati posseduti, i contratti di locazione stipulati e altri documenti relativi alle detrazioni spettanti.

     

    Autore: amministratore
    Stampa PDF